Il Consiglio federale neo elettoEd eccomi finalmente con il resoconto della domenica elettorale.Si comincia dai freddi numeri, che dicono che erano esprimibili 961 voti su 2100 possibili, pari al 45,33%;  343 voti diretti (49 delegati) e 546 su delega. Meno nutrita la rappresentativa di atleti e tecnici, 24 delegati per entrambe le categorie, come era ampiamente previsto, data l’incertezza nulla sul risultato.Degni di nota:Il ricordo commosso, e che commuove, di Emilio Di Toro fatto da Nadia Cortassa, che ha chiuso il suo breve ma sentito discorso con l’esortazione tipica di Emilio, rivolta da lei al futuro Consiglio, a “fare i bravi”. Tutta l’assemblea in piedi, ed un lungo e caloroso applauso in memoria del compianto Presidente.Alcuni passaggi del presidente in pectore: Renato Bertrandi fa una lettura della situazione attuale del triathlon, esordisce con una interessante distinzione fra tattica e strategia, dove per lui la strategia corrisponde  al valore che si vuole scegliere di dare al “brand” triathlon, se si voglia cioè puntare sull’immagine dello sport “estremo”, o invece sull’aspetto salutistico della triplice disciplina.Per quanto attiene invece alla “tattica”, il discorso si rivolge alla ricerca di sponsor istituzionali, ed alla mediaticità del nostro sport. Secondo il Presidente, il triathlon non è - letteralmente -un “bello sport da vedere”, vuoi per la scelta obbligata riguardante i campi gara e la loro dislocazione, vuoi per la distribuzione nell’arco di tempo della gara degli atleti su quegli stessi campi gara. Sarebbe pertanto uno sport scarsamente fruibile da parte del pubblico, difficile da interpretare, potendo osservare di fatto le transizioni ed eventualmente i passaggi sul percorso, specie se “multilap”. Sarebbe anche uno sport, il triathlon, con il più alto costo per minuto di trasmissione. Bertrandi si domanda, quindi, se sia efficace la formula della diretta televisiva, o se sia piuttosto da preferire la strada della sintesi, specie se ben confezionata.Si passa poi ad analizzare l’allargamento della base, specie nei settori giovanili, dove l’obiettivo, che in parte si cerca già di raggiungere e di cui si intravvede uno spiraglio, è quello di allargare la pratica a giovani che non siano i classici “figli di triatleti”. Questo attraverso la diffusione nelle scuole, e tenendo il centro dell’Acqua Acetosa come fulcro, considerato non come un punto di arrivo ma come punto di partenza.Per quanto riguarda le società sportive, l’esortazione del presidente è a “superare lo slancio iniziale di entusiasmo, per evitare la sucessiva stagnazione”. Spesso vengono fondate nuove squadre sulla scia dell’entusiasmo di uno o di pochi, esaurito il quale, si esaurisce anche la spinta a crescere delle società. E’ necessario pertanto, secondo Bertrandi, avere più “teste”, più dirigenti, una maggiore strutturazione delle società sportive, per evitare pericolose personalizzazioni, pericolose in quanto in genere il presidente di società non lo è a tempo pieno, ma può dedicare solo parte del suo tempo a tale attività,  con la conseguenza che anche le risorse societarie ne escono ridotte. Allargare la base ed anche il vertice delle squadre, consentirebbe inoltre di garantire uno “sbocco professionale ai tecnici”, che allos tato attuale troppo spesso non possono esere valorizzati, e si trovano a dover lavorare in altri sport, se non addirittura in altri ambiti, con una evidente dispendio di professionalità e di risorse.Per quanto attiene alle gare, il neo Presidente ha annunciato di voler proseguire sulla strada della sicurezza, a tutto tondo, quindi anche attraverso forme assicurative per le competizioni, e con la nomina di delegati tecnici federali, che inviati sul territorio possano fare da “consulenti” per gli organizzatori, specie se alle prime manifestazioni o in difficoltà.Il discorso si chiude con il plauso rivolto agli uffici federali, “che funzionano”, e con l’indicazione della scelta di affiancare ai lavori delle commissioni, di un impiegato federale, quindi di una persona che a tempo pieno si può dedicare a tale attività.La nota dolente viene dal fronte del contributo CONI, che costituisce ad oggi l’85% del bilancio in entrata della F.I.Tri, e che si ridurrà del 20% rispetto all’anno da poco conclusosi, con un evidente riduzione di bilancio.Viene quindi il momento delle dichiarazioni dei candidati alle cariche di consiglieri, ad iniziare dal consigliere uscente Pala. Tutti gli interventi risultano abbastanza generici ed invitano sostanzialmente al voto per il consiglio uscente compatto, i soli Fattore e Zanetti scendono un po’ di più nei particolari, rendendo noti alcuni dati e relazionando su quanto fatto nei pochi mesi di gestione dalle precedenti elezioni.A smuovere le acque ci pensa Danilo Palmucci, con un intervento piuttosto apprezzato dalla platea, a sentirne i commenti a caldo e anche nei corridoi, durante le pause. Paralleli automobilistici, con la Ferrari che è il fiore all’occhiello, e fa da traino per la Fiat, e con l’ovvia indicazione di quale debba essere la nostra Ferrari.Colpisce nel segno, stanti le reazioni dei candidati che parleranno in seguito, l’esortazione a “svecchiare” la dirigenza federale, a trovare e far entrare in gioco energie fresche e più vicine, anche anagraficamente, alle esigenze di atleti di vertice ed age group.Seguono attimi di tensione, quando Gualla esorta a votare per il gruppo uscente compatto, senza “innesti”, per evitare la perdita di tempo dettata oggettivamente dalla  necessità di conoscersi ed affiatarsi con eventuali consiglieri “nuovi”. Purtroppo la scelta dele parole non è delle più felici, e i più recepiscono come un’indicazione a non votare per Palmucci…La foto che di seguito pubblico, sembrerebbe dimostrare che il chiarimento fra i due avvenuto subito dopo, non dovrebbe aver lasciato strascichi.la replica dell'anno scorsoDeludente su più fronti, a giudizio di molti, e con conferma di ciò data dal voto, il discorso di Bonelli, che è parso impacciato, ed ha definitivamente affossato le proprie possibilità, con le sue affermazioni sulla Scuola di alta Specializzazione e sul settore tecnico nel complesso.Come noto, l’Assemblea non ha voluto farsi mancare la dichiarazione di Oscar, benché non candidato, un intervento di cui pubblico di seguito il video della seconda parte, e che è terminato come sempre con gli applausi.Seguono operazioni di voto, ringraziamento del Presidente eletto, e finalmente ricco buffet, permettetemi un giudizio, nettamente di qualità superiore rispetto a quello offerto circa un anno fa a Bologna.Il video con la seconda parte del discorso di Oscar, visibile quiLe altre foto sono visibili e scaricabili liberamente da qui

Un commento per “Elezioni federali. Le foto, il video e il resoconto.”

minchia,ma Oscar sembra un rude boscaiolo canadese!!!

Lascia un commento

Per lasciare un commento devi essere loggato. Puoi farlo dalla homepage.